English Francais Espagnol Italian
Home Chi siamo FAQ Donare Contattaci
 
    Informazioni per i volontari
    Progetti
    Iscriviti
    Sulla regione
    Gallery
    Dicono di noi
Gallery

Progetti realizzati
2014 Progetti
2013 Progetti
2012 Progetti
2011 Progetti
2010 Progetti
2009 Progetti
2008 Progetti
Partners
Delegazione del Ministero della pubblica istruzione
men

Delegazione della Segreteria di Stato per la gioventù
men
Call me back
call me back
Informazioni bisogno per telefono? noi richiamiamo
Aiutaci
Vuoi aiutarci ?
vedere come..
La regione

Ambiente di Errachidia
Errachidia è situata nella valle del Ziz, tra le montagne dell’Alto Atlante e le dune del deserto. Il paesaggio è dominato da montagne dal colore rosso, rocce e terreni sassosi. Nel mezzo di questo ambiente secco si possono trovare varie oasi di palmeti che producono deliziosi datteri.
A 18 km di distanza da Errachidia si trova il Blue Source Meski. Si tratta di un percorso attraverso il quale l’acqua fredda esce direttamente dalle montagne. D’estate il Blue Source Meski è il luogo ideale per nuotare e rinfrescarsi. A causa della siccità l’agricoltura presenta numerosi problemi, tuttavia essa rappresenta la maggior fonte di guadagno per la maggior parte della popolazione.

Clima
Errachidia ha un clima desertico, gli inverni sono freddi, le temperature arrivano a 12 gradi sotto zero con enormi sbalzi tra giorni e notte. Le estati sono molto calde, luglio e agosto sono i mesi più caldi dell’anno, con temperature attorno ai 40 gradi durante il giorno. Serate e nottate sono invece molto piacevoli in estate. Il tempo può cambiare molto velocemente, nel giro di due settimane la temperatura può andare da zero gradi con neve a 25 gradi con tempo soleggiato.

La città di Errachidia e le città limitrofe
Errachidia è la città principale dell’omonima provincia. Tuttavia pur essendo la città più grande della regione, con 250000 abitanti, Errachidia è una città abbastanza piccola se confrontata con Casablanca, Rabat, Fes e Meknes. Errachidia è una città semplice, con molti bar, moschee, alcuni hotel e ristoranti, internet caffè, negozi, e un paio di piscine. La gente si sposta attraverso la città in bicicletta, motorino o “petit taxi”. In estate durante la giornata le strade sono calme e tutti stanno a casa. La calma del giorno contrasta con la vitalità delle serate.
Di sera tutti, uomini e donne, giovani e bambini, escono all’aperto. Molti di loro stanno al “rond point”, un campo d’erba nel mezzo di una rotatoria. La palme attorno alla rotatoria, infatti, rendono il luogo un po’ più fresco del resto

della città.

Circa 60 km a nord di Errachidia si trova la cittadina Rich. Spostandosi 70 km a sud di Errachidia si raggiunge invece Erfoud e dopo altri 20 km Rissani. Città come Erfoud e Rissano sono molto diverse da Errachidia.
Le condizioni di vita sono più povere e la vita è più tradizionale. Per la strada si vedono molti asini, muli e cavalli come mezzi di trasporto principali. In tutte le città il suq è il luogo nel quale si può trovare tutto ciò che serve: frutta, carne, vestiti, elettronica, souvenirs, ecc. Il suq è un grande mercato dove la gente vende la propria merce e incontra altre persone. Nella maggior parte delle città un portale ben visibile delimita l’entrata della città. Molto d’effetto è la porta di Rissani.

Paesi limitrofi
Nella regione di Errachidia ci sono, oltre alle cittadine, anche molti paesi. La maggior parte di essi hanno la forma di una cosiddetta “ksar”, ovvero un villaggio fortificato. Le case sono piccole, piatte, quadrate, hanno un unico piano e generalmente solo una o due camere, e sono fatte di argilla. Quando si entra in una ksar sembra un corridoio coperto fatto di argilla. In entrambi i lati del corridoio si trovano case collegate le une alle altre.
Il ksours (oltre 400 ksars e kasbahs) di Errachidia forma un’impressionante catena fatta di argilla color ocra circondata di lussureggianti palme. Gli Ksours sono caratterizzati dalla loro adattabilità alle condizioni climatiche e la loro fusione e integrazione con la campagna circostante.

La gente e la cultura
La regione di Errachidia è un mosaico di lingue e culture. Ciascuna tribù, ciascuna valle, ciascun villaggio ha le proprie caratteristiche, identificabili dalla musica, dai tratti architettonici e dai costumi. La varietà etnica è testimoniata dalle diverse razze e dai diversi colori: i Chorfas Alauites, nativi della penisola arabica mescolati con la tribù dei Berberi di Ait Morghad (dalla regione Goulmina), gli Ait Izdeg (l’area attorno a Rich) e i Ait Atta (attorno ad Aoufous).
Se gli uomini si vestono più o meno allo stesso modo con sfumature regionali non riconoscibili da un occhio poco esperto, i costumi e le acconciature delle donne e anche le loro condizioni di vita differiscono invece da un punto all’altro della provincia e da una tribù all’altra.
C’è un mondo di differenza tra i neri “Haiks” nati dalle donne di Rissani e i costumi degli Ait Morghad e degli Ait Izdeg. Ciascuna regione e ciascuna tribù ha il proprio dialetto. I membri delle tribù sono riconoscibili dalla loro lingua e dall’accento e ogni tribù possiede una ricca e varia tradizione poetica.

Abbigliamento
Ad Errachidia la gente si veste in modi diversi. Per le donne sposate indossare il velo è la cosa più comune. Per le ragazze non sposate è diverso, la maggior parte di loro non indossa il velo. Le ragazzine e le giovani donne indossano jeans e pantaloni mentre le donne più anziane generalmente indossano gonne, vestiti e jellaba’s.

Uomini e Donne
La vita degli uomini e delle donne è diversa. Gli uomini trascorrono molto del loro tempo nei bar con gli amici, fumando sigarette, giocando a carte o solo parlando. Le donne, invece, trascorrono la maggior parte del tempo nelle proprie case. Le donne gestiscono la vita familiare e preparano il cibo. E’ difficile trovare donne nei bar. Alcune donne lavorano all’esterno, per esempio le insegnanti che sono abbastanza comuni.
Una normale amicizia tra uomo e donna è eccezionale. I diversi ruoli degli uomini e delle donne nella società non sono un segno di oppressione femminile da parte degli uomini o della superiorità maschile sulle donne. Sia uomini che donne sono rispettati nella cultura marocchina.

Islam
L’Islam domina lo stile di vita marocchino. Cinque volte al giorno puoi sentire la chiamata alla moschea quando è l’ora della preghiera. La gente prega nelle moschee, ma è anche comune pregare in qualsiasi altro luogo, basta che ci sia un suolo pulito. Se non c’è un suolo pulito si possono usare piccoli tappeti per la preghiera. Si possono trovare presone che pregano nel suq, in stazione degli autobus o semplicemente per strada. Il venerdì pomeriggio si trascorre nella moschea o dedicando del tempo a Dio in qualsiasi altro posto.
Per i marocchini è vietato bere alcolici, mangiare maiale o avere relazioni sessuali al di fuori del matrimonio. Per i turisti è tollerato qualsiasi comportamento. Non vedrai mai persone mostrare il proprio amore pubblicamente, per esempio baciandosi o abbracciandosi per strada. E’ addirittura vietato tra uomini e donne stringersi la mano per strada, sia che siano sposati sia che non lo siano.

L’ospitalità marocchina
I marocchini sono veramente ospitali. Quando entri a casa di qualcuno ti verrà servito il tè con dolcetti. La gente prepara sempre tantissimo cibo nell’eventualità che qualcuno possa inaspettatamente arrivare attorno all’orario di cena. Sarai sempre spronato a mangiare sempre di più attraverso la formula “kul, kul” (mangia, mangia!)
Essendo tu un ospite, non ti permetteranno di aiutare a lavare i piatti o a riordinare. Non sentirti obbligato a mangiare tutto il cibo che hai nel piatto, mangia solo un po’ di tutto, dopo il primo piatto probabilmente ce ne sarà un secondo, e un terzo, …

La cucina marocchina
La cucina marocchina è una delle migliori nel mondo. Il piatto più comune è il Tagine,: patate, carne e verdure sono serviti in un grande piatto di terra cotta che serve sia da pentola che da piatto di portata. Tanto importante quanto il gusto è la decorazione del piatto.
Tutti mangiano dallo stesso piatto, e invece di usare le posate si usano le mani e il pane. Insieme al Tagine sono serviti piccoli piatti con verdure. Quando non sei sicuro di quale sia il tuo piatti prendi sempre quello più vicino a te.
E’ molto maleducato mangiare il cibo al lato del piatto di qualcun altro. I marocchini mangiano quattro volte al giorno: la colazione è un semplice pasto a base di pane; nel pomeriggio, verso l’una, viene servito il pranzo, un pasto caldissimo a base di tagine o couscous; verso le 6 del pomeriggio si serve il tè con un piccolo spuntino; la cena è molto tardi, tra le 10 e le 11 di sera, e si tratta di un altro pasto caldo che può essere sempre tagine, zuppa, riso o pasta. I marocchini bevono molto spesso il tè. Il tè è fatto con la menta e moltissimo zucchero.

Saluti
La gente di solito si saluta stringendosi la mano. Gli amici si baciano nelle guance se non si vedono da molto tempo. Baciarsi è comune solo tra persone dello stesso sesso, ad eccezione dei familiari stretti: per fratelli e sorelle baciarsi è molto comune. I saluti sono generalmente seguiti da molte domande sulla salute propria e dei familiari.
In arabo marocchino ci son più o meno cinque modi per chiedere a qualcuno come sta e tutte queste espressioni sono usate quando ci si incontra “labas, bgar, kdir, gbark, mezza?”. E’ normale tra due persone dello stesso sesso tenersi la mano.

Condizioni di vita
Le condizioni di vita variano da città a città e tra città e villaggi. In Marocco nessuno muore di fame. Ad Errachidia le condizioni di vita sono abbastanza buone, però ci sono alcune zone povere nelle periferie. Docce calde sono un lusso così come bei vestiti. L’ingresso del suq è il posto dove i mendicanti chiedono l’elemosina. Sconvolgente è la situazione dei portatori di handicap, i quali hanno davvero pochissimi servizi o addirittura nessuno. Si possono vedere adulti gattonare per la strada o reggersi sulle mani perché non hanno carrozzine.
I paesi attorno a Errachidia sono diversi. Molti di loro non hanno l’elettricità o ce l’hanno solo per poche ore al giorno, alcuno non hanno acqua corrente a casa e quindi la prendono con le brocche dalle fontane, in alcuni casi non hanno nemmeno le fontane quindi devono fare chilometri per avere l’acqua. La maggior parte dei villaggi è isolata dai negozi, dai dottori e dagli ospedali.

Viaggiatori stranieri, trasporti
Viaggiare in Marocco è sicuro. Puoi raggiungere quasi tutte le città in bus. CTM è la compagnia automobilistica più sicura e più comoda. Oltre a CTM ci sono molte altre compagnie, ma i bus della maggior parte di queste non hanno aria condizionata e non hanno un orario stabilito. Partono quando l’autobus è pieno. E’ possibile che si fermino per un lungo periodo durante il viaggio per fare una pausa o per riempire il bus con altre persone. Per le distanze più brevi da città a città puoi usare anche il grand taxi. Il grand taxi è un grande taxi che trasporta fino a 6 persone incluso il conducente.
I prezzi sono fissati dal taxi accordandosi sulle distanze. I grand taxi sono più veloci dei bus e partono continuamente quando ci sono abbastanza viaggiatori. Le grandi città nel nord del Marocco sono collegate dal treno. Royal Air Maroc ha anche una rete interna da Casablanca a molte altre città. C’è anche un aeroporto a Errachidia.
All’interno delle città il mezzo di trasporto principale è il petit taxi. Si tratta di piccole macchine blu nelle quali c’è posto per 4 persone. I prezzi sono fissati a persona e si paga in base alla distanza. Come in ogni altro Paese, attenzione al portafogli, specialmente nelle grandi città affollate.
La cosa più fastidiosa sono le “guide” che vogliono farti fare il giro della città per guadagnare qualcosa. E’ molto difficile avere a che fare con queste persone, il modo migliore è dire educatamente che hai già una guida o che hai vissuto o lavorato nella città quindi la conosci abbastanza bene. Non far mai vedere che sei perso. Se non ritrovi la strada continua a camminare finché non incontri una persona affidabile, per esempio un altro turista o una donna.
A Errachidia non sarai disturbato da guide come nelle grandi città. Le donne che viaggiano sole saranno continuamente avvicinate da uomini, la maggior parte dei quali non sono sposati e sperano di trovare una moglie straniera. anche se la maggior parte di loro non ammetterà ma dirà che sta cercando un’amicizia, o migliorare il proprio inglese, o mostrarti la città. Il modo migliore per gestire questa situazione è dire che apprezzi la loro gentilezza ma non vuoi accettare la loro offerta in rispetto a tuo marito. Sarai più convincente se indossi un anello o se hai nel portafoglio una foto di un uomo. Se ti sei persa, non chiedere la strada a un uomo, è meglio chiedere a una donna.
Quando viaggi in Marocco assicurati di avere un abbigliamento adeguato. Le donne non dovrebbero indossare pantaloni corti o minigonne più alti del ginocchio. Inoltre le donne non dovrebbero indossare magliette senza maniche o che mostrino la pancia.
Per gli uomini la regola di non mostrare troppo del proprio corpo significa che non possono andare in giro a petto nudo.

Association de sud du travail volontaire et social "ASTVS"
astvs.org all rights reserved 2005 2015